Madonna Fiumarola 2020 sul fiume Tevere

Festa de Noantri, la “Madonna Fiumarola” in abito bianco splende sul Tevere

L’emergenza Covid modifica il rituale, ma non ferma la tradizione.
Sul Tevere insieme ai Circoli Canottieri Lazio e Roma gli equipaggi di Rosaremo

Anche quest’anno, in occasione della “Festa de Noantri”, la statua lignea della Santissima Vergine del Carmelo ha percorso il fiume in ricordo del ritrovamento alla foce del Tevere nel ‘500.
La “Madonna Fiumarola”, come la chiamano affettuosamente i trasteverini, è stata portata come ogni anno dalla Confraternita del Santissimo Sacramento e Maria Santissima del Carmine in Trastevere presso il Circolo Canottieri Lazio per la vestizione.

A causa dell’emergenza Covid non è stato realizzato un abito nuovo, ma per rispettare la tradizione la scelta è ricaduta su una veste donata quattordici anni fa.
L’abito prescelto, disegnato, cucito e donato dallo stilista di Sulmona (L’Aquila) Alessandro Pischedda (Maison les Gars), è di colore bianco, in cady di seta italiana, ricamato con stelle di cristalli di rocca e oro. Il velo, in chiffon in seta ricamato con cristalli, rende il tutto elegante e allo stesso tempo leggero.

All’arrivo del prezioso simulacro al Circolo Canottieri Lazio, accolto dalla vicepresidente allo Sport Gabriella Bascelli, dal vicepresidente del C.C. Roma Stefano Brusadelli e da S. E. Mons. Gianrico Ruzza, Vescovo di Civitavecchia e Tarquinia, i confratelli hanno sollevato i teli dietro i quali le consorelle hanno invece proceduto alla vestizione.
Dopo l’omelia, la statua è stata portata al galleggiante del Circolo Canottieri Roma per risalire il Tevere, scortata nel suo cammino dalle barche dei due club.
Per la prima volta, sul fiume sono scesi anche gli equipaggi di Rosaremo – un progetto pensato per donne che hanno avuto o hanno il tumore al seno e che attraverso il canottaggio si riappropriano della loro vita – entrati a far parte del C.C. Lazio.

Come di consueto, all’altezza di Ponte Garibaldi è avvenuto l’omaggio floreale da parte dei due Circoli, ma a differenza degli anni precedenti quest’anno non si è tenuta la tradizionale processione a piedi.
Nel rispetto delle normative anti-Covid, la statua è stata infatti trasportata direttamente al Santuario Mariano di Sant’ Agata.

[Ida di Grazia – Ufficio Stampa CCLazio]